The hitcher – la lunga strada della paura (1986)

the hitcherGrande atmosfera e una musica alquanto lynchana accompagnano la tragica disavventura che il giovane Jim Halsey vivrà lungo la strada che da Chicago porta a San Diego, luogo in cui deve portare la macchina che sta guidando. Robert Harmon, regista esordiente all’epoca, sfoggia un thriller con tinte horror di notevole qualità, appagando lo spettatore con immagini forti e almeno due colpi di scena molto intensi. Siamo di fronte un altro caso di film sottovalutato e che ha ricevuto critiche positive solo dopo l’uscita di scena. The Hitcher, uscito il 21 febbraio 1986 vanta di due protagonisti molto affiatati, perfetti per la loro diversità e che si scontrano in un ambiente neutro come la desolata strada americana tra deserto e montagne rocciose.

Il giovane Jim Halsey (C. Thomas Howell), sta trasportando una berlina da Chicago fino a San Diego, da solo e con la sola compagnia di radio e sigarette. Durante il suo lungo viaggio, sotto un forte temporale, si imbatte in un autostoppista. Il ragazzo che desidererebbe di parlare con qualcuno per non addormentarsi alla guida, scopre che il suo accompagnatore è un feroce assassino, il quale senza alcun apparente motivo, vuole solo ucciderlo come ha fatto con quelli che lo hanno trasportato fino a quel punto sulla strada. the hitcher3Il ragazzo riesce inizialmente a liberarsi dell’uomo gettandolo sull’asfalto mentre la macchina sfreccia sulla strada, ma il killer tornerà a tormentarlo più volte potendo contare sugli altri passaggi. Terrorizzato da John Ryder (Rutger Hauer), così sembrerebbe che si chiami il maniaco autostoppista, Jim tenta di mettersi in contatto con la polizia locale ma finisce addirittura per essere incriminato di omicidio di alcune persone brutalmente mutilate trovate sul ciglio delle strade…

È un notevole esempio di thriller, girato con riprese piuttosto statiche e senza fronzoli e che vanta di un Rutger Hauer in grandissima forma e un bravo C.Thomas Howell, la sua nemesi, in un gioco a due che compromette le sorti di altri personaggi nel corso della storia. the hitcher4Il personaggio di Ryder è forte, micidiale, cinico e senza pietà e si confronta con il timido ed impacciato Jim Halsey che dovrà nascondere le sue fragilità per far emergere un coraggio che non pensa di avere. Mark Isham compie un ottimo lavoro mescolando suoni esotici a lampi di tensione sonora di grande impatto. Certamente un bel film che non soffre nemmeno troppo il passare del tempo: non c’è tecnologia esposta e si gioca tutto all’aperto, spazi grandi e desolati come solo l’America riesce a fornire. Da vedere da soli di notte, preferibilmente d’estate… con un whiskey accanto, forse anche un paio per spegnere un pò la tensione. Ce n’è tanta a sufficienza.

★★★✬☆

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...