It (1990)

itNella maggior parte dei casi di adattamenti cinematografici di romanzi scritti da Stephen King, i risultati non sono stati mai eccellenti (da questi eliminiamo ovviamente Le ali della libertà, Shining e Misery non deve morire). Uno dei più classici adattamenti è di certo It, che nel tempo è diventato un’icona dell’horror anni ’80 e ’90, potendosi accostare ai beniamini Freddy, Jason, Leatherface e Michael Myers. Stephen King pubblicò questo romanzo (un mattone di 1200 pagine) nel 1985, inserendo alcuni contenuti anche piuttosto importanti al livello sociale come l’omosessualità e l’AIDS (curiosissimo il fatto che sei anni dopo il film, i Cranberries pubblicarono il video di Salvation, in cui la droga veniva rappresentata da un clown con le fattezze simili a Pennywise). Il film, diretto dall’amico di John Carpenter, Tommy Lee Wallace, un operaio di Hollywood con alle spalle gli antipatici Halloween III (1982) e Ammazzavampiri 2 (1988), venne diviso in due parti e presentato come mini-serie televisiva sulla ABC il 18 e il 20 novembre del 1990. La messa in onda ebbe un grandissimo successo, tale da replicare lo spettacolo molte volte in poco tempo. Ovviamente le parti più divertenti del film sono quelle in cui appare il divertente Pennywise (Tim Curry) tutto colorato da buffo clown e con i denti aguzzi come un vero spauracchio di bambini.

it3Nella piccola cittadina costiera di Derry, nel Maine, una malvagia creatura si nutre uccidendo dei bambini in modo crudele. La bestia appare nella maggior parte dei casi con il volto beffardo di un colorato clown che si fa chiamare Pennywise, ma assume molte altre forme. Una delle sue vittime è il piccolo Georgie, fratello del più grande Bill Denbrough (Jonathan Brandis), il quale rimane sconvolto. Ma fortunatamente viene distratto dalla compagnia di un gruppo di ragazzini, che come lui hanno problemi e scappano dai bulli della scuola capeggiati da Henry Bowers. I sette ragazzi, oltre ad affrontare i loro piccoli problemi, hanno tutti sentito parlare o incontrato la creatura che da anni si aggira a Derry. Il mostro, che ha il nome indeterminato di It, riposa nelle fogne della città e i ragazzi, dopo aver preso coraggio, decidono di affrontarlo. Ma un confronto potrebbe non bastare…

it2

Ci sono degli spunti simpatici da sottolineare di questo film d’intrattenimento: sicuramente un buon cast in cui spiccano i volti di Tim Curry, John Ritter e la bella Annette O’Toole anche se non sono proprio i protagonisti e il giovane Jonathan Brandis (scomparso prematuramente nel 2003); una discreta ricostruzione della cittadina descritta nel romanzo; il cliffhanger che separa la prima parte dalla seconda. it4Il fatto è che It è un film per adolescenti e non si azzarda a superare certi limiti per evitare censure pesanti da parte della televisione, una scelta pagata dalla produzione ad altissimo prezzo, che sostanzialmente declassa tutto l’adattamento, già di per se pesantemente modificato rispetto al romanzo di King, un romanzo crudele, volgare e spietato nella sua spensieratezza. It, in sostanza, è un’anticipazione di Piccoli Brividi con l’eccezione di permettersi la morte di qualche personaggio. Più che una mediocre rappresentazione, sa più di occasione mancata volontariamente. Un vero peccato.

★★☆☆☆

2 risposte a "It (1990)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...