Halloween – la notte delle streghe (1978)

halloweenNon mi metterò a fare una recensione del remake di Rob Zombie, per me Halloween è solo il film di Carpenter. Nel 1977 John Carpenter non poteva permettersi di spendere soldi a profusione per un copione creato da lui stesso e sua moglie, la produttrice Debra Hill. Il primo film del regista era stato il fantascientifico Dark Star (1974) e il geniale Distretto 13 (1976), e quest’ultimo fu l’unico motivo a spingere Donald Pleasance a indossare i panni del co-protagonista, il burbero Dr.Loomis, poiché l’attore, dopo aver letto il copione di questo thriller dichiaro al regista di non averlo capito. Per il ruolo della protagonista venne presa la sconosciuta Jamie Lee Curtis, che all’epoca aveva solo partecipato a programmi per bambini in tv, ma essendo la figlia di Janet Leigh, la storica vittima di Psycho, era un ottimo motivo per commercializzare il film. Donald Pleasance ricevette un compenso di soli 20.000 dollari, la Curtis solo 8.000, mentre Nick Castle (futuro regista) guadagnava solo 25 dollari al giorno per interpretare Michael Meyers. Sembrava l’inizio della fine per Carpenter…

1963: nella notte di Halloween a casa dei Myers nella piccola località di Haddonfield in Illinois, il piccolo Michael sei anni uccide sua sorella a coltellate. Il bambino viene internato in un manicomio, ma dopo 15 anni evade e torna nella sua città e dopo aver ucciso un meccanico, gli ruba i vestiti e si mette a pedinare la giovane studentessa Laurie Strode. Nella fuga dal manicomio, Michael ormai 21enne, ruba l’automobile al Dr.Loomis, il quale capendo la pericolosità del suo paziente avverte le autorità di Hadonfield che il killer si sta dirigendo lì dove tutto è cominciato. Infatti è nuovamente la notte delle streghe e Michael sta per mietere di nuovo il terrore ad Haddonfield.

halloween2

Dopo 19 anni un regista crea un nuovo slasher movie. Era dai tempi di Psycho (1959) che gli spettatori non si terrorizzavano talmente tanto dai tempi di Norman Bates. Ma a differenza del personaggio di Hitchcock, questo non parla mai e ha le movenze di un pupazzo di paglia armato di coltello da cucina (quello per tagliare le zucche) e indossa una maschera bianca che ha le fattezze di William Shartner. Il film ha una tensione che all’epoca sbaragliò la concorrenza, dotato di quell’espediente del colpo improvviso di paura che verrà ripreso nel 95% dei film thriller o horror che seguiranno, fino ai giorni nostri. Un thriller di 90 minuti gestiti in modo perfetto, elegantemente razionati e con un aumento della tensione fino allo strano colpo di scena finale. La chiusura del film, sette riprese fisse su alcuni loghi chiave della città di Haddonfield in piena notte sono la ciliegina sulla torta. Carpenter in pratica trasforma il legno in oro, un esempio di come si possa fare cinema anche senza soldi. Il successo di Halloween fu talmente grande (50 milioni di dollari contro un budget iniziale di 300.000) nella stagione 1978/79 che Mustapha Akkad scongiurò Carpenter di lavorare sul seguito, cosa che fece ma senza dirigerlo, passando la palla al bravo Rick Rosenthal.

Curiosità: il film ebbe sette seguiti ma solo il primo e gli ultimi due riprendono la storia madre; il terzo film o secondo seguito Halloween III – il signore della notte (1982) raccontava una storia diversa; Halloween 4 – il ritorno di Michael Meyers (1988), Halloween 5 – la vendetta di Michael Meyers (1989), Halloween – la maledizione di Michael Meyers (1995)halloween3 sono film semi-apocrifi non rispettando la trama originale ma mantenendo due personaggi principali ossia Michael Meyers e Sam Loomis. Nel 1998 venne celebrato il film del 20° anniversario con il ritorno del personaggio di Laurie Strode e fu considerato il miglior seguito dai tempi del secondo film, mentre dopo alcuni anni venne diretto Halloween – la resurrezione un film che nemmeno considero nella saga: una vera merda, un oltraggio alla serie.

Se dico che gli attori recitavano con i loro vestiti perché non c’erano soldi sufficienti per i costumi di scena, mi credete?

Dal momento che il film fu girato in primavera, i tecnici dovettero comprare foglie di carta da un decoratore e colorarle con i toni dell’autunno, quindi spargerle in giro per le location da filmare. Dopo le riprese, per risparmiare i soldi, le foglie venivano raccolte e riutilizzate.

Il tema composto in 5/4 con il pianoforte è opera dello stesso Carpenter. È una traccia musicale che ha fatto epoca e risulta ad oggi ancora spettrale.

Il trailer inserito quì sotto è una versione modernizzata molto più interessante del trailer del 1978.

★★★✬☆

5 risposte a "Halloween – la notte delle streghe (1978)"

  1. Pingback: The fog (1980)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...